FIANO ROMANO... IL PAESE

Cenni su Fiano romano

Fiano Romano è un Comune del Lazio posto sulla via Tiberina a 36 chilometri a nord di Roma, a 107 metri sul mare e attualmente conta 14.407 abitanti.
Confina con i comuni di  Capena, Civitella San Paolo, Nazzano, mentre il fiume Tevere segna il confine, per un buon tratto, con le terre della bassa Sabina.
Il territorio comunale, che comprende oltre alla zona collinare una vasta e fertile pianura sulla sponda destra del Tevere, si estende per una superficie di 41,41 chilometri quadrati, ponendo il paese tra i più estesi della zona tiberina. Fiano domina la Valle del Tevere, tanto che nel passato ebbe un proprio porto ed un traghetto del quale usufruirono anche l'Antipapa Onorino II quando mosse contro Roma, Pasquale II prigioniero di Enrico V, Lotario II e Pio II nel 1464.

Il castello che domina l'antico nucleo urbano è stato costruito in varie epoche. Al centro del maniero si trova l'imponente torre rotonda, alta 30 metri e orlata di merlature. Mentre all'interno si trovano numerose sale che mantengono l'aspetto originario.

Nel centro storico si accede dalla Porta Capena: originariamente dotata di battenti in legno, i cui cardini sono tuttora visibili. Proseguendo per via Roma si giunge in piazza GIACOMO MATTEOTTI dove, davanti al castello, si trova la chiesa di S.Stefano Nuovo, fatta costruire dagli Orsini di Pitigliano intorno alla seconda metà del Quattrocento. L'interno a tre navate con due file di colonne di travertino a sezione quadrata. Nella parte di destra, c'è il sarcofago di Niccolò III morto a Lonigo nel 1510 è ricordato nelle lapidi sottostanti come celebre e valoroso capitano della Repubblica di Venezia. Nella cappella a destra dell' altare, da notare i due angeli attribuiti al Pinturicchio, che lavorò a Roma nella Cappella Sistina alla fine del Quattrocento.
Share by: